Firenze 28 gennaio – Fin da quando andavo alle medie, ero un po indeciso sulla sneakers da indossare, che poi quando frequentavo io la scuola secondaria, le chiamavamo “scarpe al tennis”.

Fondamentalmente tutto era più semplice, non c’erano i social, internet esisteva, ma aveva tutt’altro uso. Ma una cosa che è rimasta indubbiamente nel tempo, è la diatriba tra i due brand di riferimento del settore, ovvero Nike e Adidas…per quanto riguarda tutti gli altri brand come direbbe il buon Califano “tutto il resto è noia”.

Tutti questi marchi, ovviamente in primis i nostri due begnamini, prima di avere un uso fashion, sono stati impiegati negli sport, dove tutt’oggi sono sempre presenti.

Mai sentito l’uso della parola Neuromarketing? Sicuramente la maggior parte di voi, anche se non l’hai sentito avrà fatto la veloce associazione tra marketing e mente. Beh, chi ha fatto questo accostamento non ha sbagliato. Questo ramo del marketing, studia come creare attraverso le pubblicità il desiderio da parte di un consumatore di un oggetto.

Nel caso di Nike e Adidas, i messaggi per suscitare questa forma di consumismo, sono differenti.

Nike trasmette in primis un messaggio di leadership e successo, mentre Adidas uno più di tradizione e passione, basta pensare agli innumerevoli restyling di modelli iconici come Superstar.

Quindi potremmo dire che simpatia, soddisfazione, empatia e amore appartengono più ad Adidas, mentre competitività, indubbiamente a Nike.

Personalmente, se penso ad Adidas, ho impresse nella mente immagini inerenti la musica in primis, basta pensare ad esempio a Freddie Mercury, con indosso sempre le sue amate Adidas, o rapper anni ’80 come Run Dmc, che hanno lanciato nell’olimpo delle sneakers alcuni modelli divenuti iconici.

Mentre se penso a Nike, mi vengono in mente più i film americani degli anni ’80, ad esempio Back to Future, dove il protagonista Martin McFLy, indossa una modello dell’epoca e un modello più futuristico, e ovviamente le Stelle dell’ NBA.

Il paradosso tra i due brand è grande, così abbiamo pensato di analizzare piano piano nelle prossime uscite i modelli iconici di entrambi i marchi.

Quindi vi aspetto al prossimo articolo.

di Cristiano Gassani

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •