Continua il reportage di Giorgio Romiti (alias Gaston Zama) dal titolo “Missione Medjugorje”a Le iene.  

Un lungo e incredibile cammino per “esaminare” la galassia di chi non ha fede e quella di chi invece crede nell’esistenza di Dio, di Gesù e della Madonna.

A dare il via a questo “viaggio” sono stati il giornalista Paolo Brosio e la sua fidanzata Maria Laura De Vitis, che, a differenza del suo compagno, si dichiara fermamente atea. Brosio aveva voluto portarla proprio a Medjugorje, in Bosnia-Erzegovina, per provare ad accendere in lei almeno una scintilla di fede. In questo secondo capitolo si tenterà di far luce sul mistero che avvolge la “collina delle apparizioni”, dove, stando ad alcuni racconti, sembrerebbero però scomparire delle persone. Lì sul monte Podbrdo, a partire dal 1981, sarebbero cominciate le apparizioni della Vergine Maria, che, secondo quanto hanno sempre affermato alcuni ragazzi del posto, noti come veggenti, sarebbero diventate cicliche e quotidiane (ogni giorno alle ore 17.40, ndr.).

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •