Chirurgia estetica Samantha Asquini

Trucco semi permanente Il trucco semipermanente costituisce una soluzione per chi desidera apparire al meglio in ogni occasione. Un make-up personalizzato che non solo valorizza i tratti, ma che corregge anche alcune imperfezioni di viso e corpo. Sempre più donne ricorrono al trucco semipermanente per un’esigenza di estetica mista a praticità. Essere sempre curate, anche appena alzate dal letto, poter andare tranquillamente in palestra o in piscina senza che sudore o acqua rovinino il make-up, non dover più fare lunghe soste davanti allo specchio, confidando che la propria mano tracci dei segni precisi: questi sono solo alcuni dei motivi per cui questa concezione di trucco attrae sia le ragazze sia le donne più in là con gli anni. Mi sono rivolta alla Signora Marsonet Cristina di Pordenone ” Altromondo Studio ” che dal 2002 opera nel settore del TRUCCO PERMANENTE O DERMOPIGMENTAZIONE.Mi spiega che la tecnica di tatuaggio applicata in campo estetico consente di abbellire i lineamenti del viso, camuffare con colore alcuni inestetismi ,occultare cicatrici oppure ricostruire cromaticamente l’areola mammaria o il cuoio capelluto (tricopigmentazione). Questa tecnica differisce dal tatuaggio tradizionale perché’ prevede l’utilizzo di macchinari più delicati e leggeri , pigmenti micronizzati che vengono “depositati” più superficialmente rispetto al tatuaggio convenzionale e manualità specifiche espressamente messe a punto per questo trattamento. La dermopigmentazione ha come prerogativa quella di attenuarsi negli anni per consentire modifiche nel trattamento perché’ ci sono dei cambiamenti ,a volte importanti, che il tempo lascia nel nostro viso. Un consiglio che posso dare è quello di prendere un appuntamento preventivo per conoscere l’operatore, l’ambiente in cui lavora, visionare dei lavori precedenti ed accertare la sua professionalità.

L’igiene inoltre è un fattore imprescindibile. L’apparecchio per il trucco semipermanente, il pennino per l’incisione, i pigmenti colorati, ma anche la pelle prima di intervenire così come le mani dell’operatore devono essere perfettamente sterili. Se mancano tutti questi accorgimenti il rischio può essere anche grave e sfociare in infezioni o allergie. Non conviene quindi avere paura di sembrare troppo esigenti (ne va della salute). Bisogna richiedere che aghi e guanti monouso vengano aperti davanti ai propri occhi. Per quanto riguarda i pigmenti utilizzati per il trucco (di origine vegetale o minerale) non esistono pericoli di allergie: i prodotti sono infatti anallergici. Chi soffre di allergie, può tuttavia eseguire un test preliminare, il cosiddetto “ponfo”, effettuato iniettando nel braccio un po’ di colorante per vedere l’eventuale reazione scatenante. La durata del trucco semipermanente è soggettiva (può variare dai 3 ai 5 anni) ed è legata sia al ricambio cellulare sia alla profondità in cui sono state fatte le incisioni. E’ consigliabile in ogni caso una “revisione” ogni 2 anni per vedere se è il caso o meno di ridefinire i contorni.
Vi ricordo che per qualsiasi informazioni potete contattarmi sul mio Blog ESTETICA-MENTE DI ASQUINI SAMANTA.
Seguitemi a presto. …

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •