Vinicio Caposela

“Tutto era materia, lo spirito scappava”!

Un concerto materico, sanguigno, ballabile per portare alla realtà di carne cruda la verità dell’immaginazione. Il patrimonio musicale e agricolo de “Il Paese dei Coppoloni”, dal vivo… ancora vivo… dalla diretta voce cantata dei suoi protagonisti.

Vinicio Capossela, la Banda della Posta, la bassa banda Città di Calitri, il corpo di ballo, il senato della Cumversazione, Cicc’ Bennet il cantante gladiatore e molte pagine e spartiti musicali servite come cannazze da sposalizio, perché, come afferma Matalena, “la musica va spartita, va condivisa e mangiata insieme”.

Due concerti straordinari per portare live il mondo immaginifico evocato dal suo romanzo “Il paese dei coppoloni”, libro candidato al Premio Strega 2015, accompagnato dalle vive voci dei suoi personaggi/protagonisti. Questo il progetto unico costruito da Vinicio Capossela per i due Festival gemelli Aria di Friuli e Collisioni, con l’evento in programma il 17 luglio a Barolo (CN), dopo quello del 26 giugno.

I giorni successivi al concerto saranno dedicati proprio alle presentazioni del libro che dà corpo e sostanza a questi concerti: “Il paese dei coppoloni” (Feltrinelli), secondo romanzo di Vinicio Capossela uscito il 1 aprile e subito affiancato da una prestigiosa candidatura al Premio Strega 2015. Per raccontarlo come merita Capossela sarà ospite di Collisioni il 18 luglio.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •