Da qualche tempo circolavano sul web delle indiscrezioni in merito ad un possibile ricorso, da parte di Maria De Filippi, alla chirurgia estetica.

In particolare, nell’ultima puntata di ‘Amici’ sembrava che la conduttrice si fosse sottoposta ad un trattamento agli occhi, visto che presentavano una forma un po’ diversa dal solito, mentre gli zigomi della conduttrice sembravano essersi gonfiati.
La De Filippi, che com’è noto non è una persona che ‘le manda a dire’, ha deciso di svelare personalmente il ‘mistero’, sfruttando lo spazio messo a disposizione dalla pagina ufficiale Facebook di ‘Amici’.
La domanda ‘chiave’ a cui ha voluto rispondere è: “Maria si è rifatta?”. Lei ha scritto: “Nulla contro chi si rifà, non è detto che prima o poi prenderò questa decisione, guardandomi allo specchio penso di averne bisogno. C’è però un piccolo particolare: ho paura della sala operatoria”.
Insomma, per Maria niente chirurgia non tanto perché è contraria alla faccenda in sé quanto perché ha timore: “L’ultima risonanza magnetica che ho dovuto fare al cervello (badate bene)– precisa la De Filippi – ‘ho fatta con due persone presenti che a turno mi toccavano piedi e polpacci, così ero certa di non essere in una cassa da morto”.
A proposito dell’aspetto inedito dei suoi occhi, la conduttrice rivela: “Se volete sapere dei miei occhi non mi sono tirata, ho un calazio all’occhio sinistro, ossia un deposito di colesterolo perché ne produco a go-go, nonostante alimentazione e sport (ho preso da mia madre). Può essere che coprendolo il trucco abbia dato l’impressione di tiraggio occhi”.
E ancora: “A breve toglierò il calazo (penso durante la settimana di Sanremo perché Got Talent non va in onda e sono 5 giorni di punti, e per Uomini e Donne me la cavo registrando). Se non me la caverò non penso che occhiali neri possano essere un problema. In particolare è già la terza volta che mi tolgo i calazi però l’anestesia è locale e quindi mi sento di poter controllare cosa succede in sala operatoria”.

Alberto Guardabasso

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •